Editoriale Ottobre 2011

TEAM BUILDING

Di recente, ho partecipato ad una seduta di team building organizzata dal Cliente per il quale stiamo lavorando.

Traducendo in italiano letteralmente “costruzione del team”. Già. Qualcuno si è reso conto prima di noi (gli italiani sono anche famosi nel mondo per il loro essere o “lupi solitari” o rissosi fra connazionali ) che fare “team” è importante. Fare team. Mentre il relatore esemplificava aspetti che spesso, durante una giornata lavorativa, vengono trascurati ma che realmente inficiano le relazioni non solo con il cliente o con il sub appaltatore, ma anche fra colleghi stessi, io mi sono distratto iniziando a fantasticare.

Mi sono chiesto il perché noi italiani abbiamo questa peculiarità. Lo notiamo a livello imprenditoriale (meglio vendere agli stranieri che fare gruppo con il “competitor” vicino casa).

Team building… rosso, giallo, verde, blu. Non sono impazzito dando i “colori” ma sono I Quattro colori a cui sono state associate le aree del nostro cervello e che gli studiosi usano per associare modi di fare.

Ogni colore rappresenta una porzione dei due emisferi del cervello. Ogni colore rappresenta una nostra attitudine: riflessivo, istintivo, logico, pratico. Riconoscere queste attitudini negli altrui comporta un potente mezzo di valorizzazione dei pregi altrui mitigando magari le nostre lacune. Perché lo spirito del team building dovrebbe essere proprio quello di esaltare il valore aggiunto di ognuno di noi, moderando i difetti. Costruire un buon team, implica il concetto di muto soccorso.

Comprendere che l’essere umano è una moltitudine di sfumature significa vincere in anticipo sfide importanti, dentro e fuori l’ambito lavorativo. La forza delle aziende multinazionali, con personale “multi etnico” è proprio questa.

Ho riaperto gli occhi ed il mondo circostante è scorso di fronte a me. Lo stesso mondo che, qualche istante prima, io non vedevo. Ho riconosciuto “l’altro” per ciò che mi completava e non per quello che mi separava. È stata la prima volta.

Team building: elemento ad alto valore aggiunto per le sfide del futuro in un mondo di 7 miliardi di abitanti…e più.

E voi che colore siete?

Chi ha piacere, può determinare il proprio “colore” effettuando il test sul sito: www.equilibria.vg

di Flaviano Di Franza