Il Teatro Menotti all’Orto Botanico


Rassegna all’Imbrunire

STAGIONE 2020/2021

 Un teatro delle emozioni che si presenterà nella sua essenzialità, dal sapore antico e contemporaneo al tempo stesso. Gli attori e i musicisti saranno al centro di una piccola platea di pubblico, senza palcoscenico e illuminati dalla luce naturale del tramonto. Spettacoli originali, alcuni presentati in prima assoluta, storie raccontate da importanti protagonisti della nostra scena teatrale e musicale, per un viaggio tra impegno civile, comicità d’autore e classici rivisitati.
Un teatro all’ombra dell’ultimo sole nello stile e nell’identità del Teatro Menotti, ispirato alla convinzione e all’urgenza di ricominciare.
In scena, Milvia Marigliano, Giobbe Covatta, Omar Pedrini, Maddalena Crippa, Gabriella Greison, Ulderico Pesce, Claudia Donadoni, Andrea Mirò con Enrico Ballardini e Musica da Ripostiglio.

21 LUGLIO ore 19,30
GIOBBE COVATTA 
6 GRADI

Il nuovo irresistibile spettacolo di Giobbe Covatta sull’aumento della temperatura del nostro pianeta. Comicità, ironia e satira si accompagnano alla divulgazione scientifica su quelli che sono i grandi temi del nostro secolo: la sostenibilità del Pianeta e delle sue popolazioni.

22 e 23 LUGLIO ore 19,30 
OMAR PEDRINI
SUONI & PAROLE

Omar Pedrini, leader dei Timoria per quasi 20 anni, cantante solista, poeta, showman e autore, ripercorre attraverso le note dei brani più significativi tratti dal suo repertorio, eseguiti dal vivo con la chitarra, la propria storia, un percorso umano e artistico fatto di coraggio, scelte in controtendenza, momenti difficilissimi e tanto rock. 

24 LUGLIO ore 19,30 
MADDALENA CRIPPA
DEVE TRATTARSI DI AMORE PER LA VITA

Negli anni ’40, mentre l’Europa sprofondava nella disumanità del nazismo, in Olanda la giovane studiosa ebrea, Etty Hillesum, faceva il percorso inverso. Più aumentava il buio intorno, più cresceva dentro di lei l’accoglienza della vita in tutti i suoi aspetti. A dare voce alle parole di Etty un’attrice straordinaria come Maddalena Crippa accompagnata dal musicista Gianmario Conti.

                       25- 26 LUGLIO ore 19,30 
                                          GABRIELLA GREISON
1927 MONOLOGO QUANTISTICO

La prima rappresentazione teatrale che racconta la storia della celebre foto scattata a Bruxelles nel 1927 in cui sono ritratti  29 uomini in posa (quasi tutti fisici, 17 erano o sarebbero diventati Premi Nobel),   che diedero vita in quel ritrovo  alla fisica quantistica, e quindi il nostro mondo.

 

27 LUGLIO ore 19,30
ULDERICO PESCE PETROLIO – IL RACCONTO DEL PETROLIO LUCANO

Ulderico Pesce narra la bellezza mozzafiato della Basilicata, dei suoi boschi millenari, mare, calanchi, paesini arroccati a strapiombo su fiumi o distese di grano, ma narra anche del giacimento di petrolio più grande dell’Europa continentale, collocato in Basilicata e da allora con un alto indice di mortalità e danni ambientali irreversibili. 

28 LUGLIO ore 19,30
 
ULDERICO PESCE
MORO: I 55 GIORNI CHE CAMBIARONO L’ITALIA

La storia di Raffaele Iozzino, unico membro della scorta di Aldo Moro, che il 16 marzo del 1978, in via Fani a Roma, prima di morire riuscì a sparare due colpi di pistola contro i terroristi. Uno spettacolo importante di teatro civile, scritto con il giudice Ferdinando Imposimato, che commuove e fa riflettere, dove la Storia si intreccia con le storie dei protagonisti e il lavoro documentario ai racconti privati.

  29 LUGLIO ore 19,30 
CLAUDIA DONADONI
STRIA

La storia di Rusina, cresciuta nei primi anni del ‘500, in un ambiente intriso di sapienza naturale, tra pratiche di medicina arborea antica e superstizioni legate alla terra, bruciata sul rogo dall’Inquisizione. Una storia dai toni noir molto intensa dove si susseguono narrazioni, canzoni, improvvisazioni vocali e passaggi di danza contemporanea.

30 LUGLIO / 1 AGOSTO ore 19,30 
FAR FINTA DI ESSERE SANI
 

 prima versione in concerto di Giorgio Gaber

Brani di monologhi e canzoni indimenticabili per riscoprire quel percorso narrativo con cui Gaber e Luporini nel 1973 affrontavano i temi universali del disagio sociale e generazionale, puntando l’attenzione sull’essere schizoide dell’uomo contemporaneo, da una parte pronto agli slanci ideali, dall’altra tenuto a terra dal proprio egoismo e dai finti bisogni materiali. In scena Andrea Mirò, Enrico Ballardini, e Musica da Ripostiglio.

 LA STAGIONE 20/21 DEL TEATRO MENOTTI E’ DEDICATA

AL PERSONALE MEDICO E SANITARIO DEGLI OSPEDALI DI MILANO

                                                PROMOZIONE PER I SOCI DI ENI POLO SOCIALE

 ACQUISTA ORA IL TUO BIGLIETTO AL PREZZO SPECIALE DI € 10,00 anziché € 15,00

inserendo il codice sconto ORTO2020

oppure PRENOTA scrivendo  a promozione@tieffeteatro.it  o chiamando il n. 0236592544

Loc.161_20 Teatro Menotti stagione 20-21

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *